LORENZO BALDASSARI

White Ash, Leighton Pierce.

white ash leighton pierce recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

P’tit Quinquin, Bruno Dumont.

p'tit quinquin bruno dumont recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

The Knick, Steven Soderbergh.

the knick steven soderbergh recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

Adieu au langage – Addio al linguaggio [Adieu au langage], Jean-Luc Godard.

addio al linguaggio adieu au langage jean-luc godard recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

Il segreto del suo volto [Phoenix], Christian Petzold.

il segreto del suo volto phoenix christian petzold recensione 2014 le classifiche della redazione specchio scuro

Sils Maria, Olivier Assayas.

sils maria olivier assayas recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

Journey to the West [Xi you], Tsai Ming-Liang.

journey to the west tsai ming-liang recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

Pasolini / Welcome to New York, Abel Ferrara.

pasolini abel ferrara recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

welcome to new york abel ferrara recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

Gone Girl – L’amore bugiardo [Gone Girl], David Fincher.

gone girl l'amore bugiardo david fincher recensione 2014 le classifiche della redazione lo specchio scuro

separatore

FABIO FULFARO

1. Sils Maria [Clouds of Sils Maria], di Olivier Assayas

Tra la verità e la rappresentazione ci sta in mezzo il Maloya’s Snake

sils maria lo specchio scuro fabio fulfaro migliori film 2014

2. Adieu au langage – Addio al linguaggio [Adieu au langage], di Jean-Luc Godard

Lo sguardo lucido e sperimentale di un ottantenne della “onda nueva”

adieu au langage - addio al linguaggio fabio fulfaro lo specchio scuro migliori film 2014

3. Maps to the Stars, di David Cronenberg

David Cronenberg incontra Brucr Wagner: Hollywood brucia!

Maps to the Stars Lo Specchio Scuro Fabio Fullfaro migliori film 2014

4. The Look of Silence, di Joshua Oppenheimer

Una rimozione collettiva di fronte alle domande di un investigatore oculista

The Look of Silence Lo Specchio Scuro Migliori film 2014

5. From What Is Before [Mula sa kung ano ang noon], di Lav Diaz

Cinema resistente fino alla fine del mondo

From What Is Before Lo Specchio Scuro Migliori Film 2014 Fabio Fulfaro

6. Belluscone. Una storia siciliana, di Franco Maresco

Un quadro senza speranza di una inciviltà trasversale, L’Italia post berlusconista è un paese senza più radici e memoria

Belluscone. Una storia siciliana Lo Specchio Scuro Fabio Fulfaro Migliori film 2014

7. P’tit Quinquin, di Bruno Dumont

Bruno Dumont ritorna a investigare la realtà con uno sguardo feroce lievemente stemperato da un forte sarcasmo di fondo

P'tit Quinquin Bruno Dumont Lo Specchio Scuro Migliori Film 2014 Fabio Fulfaro

8. Due giorni, una notte, [Deux jours, une nuit] di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne

I Dardenne contro il sistema capitalistico moderno: Marion Cotillard lotta fino all’ultimo respiro per salvare il proprio posto di lavoro

Due giorni, una notte Deux jours, une nuit Jean-Pierre Dardenne Luc Dardenne Lo Specchio Scuro Gabio Fulfaro Migliori Film 2014

9. Il sale della terra, [The Salt of the Earth] di Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado

Le fotografie di Salgado raccontate da un Wenders molto a suo agio con il genere documentario

IL sale della terra The Salt of the Earth Wim Wenders Salgado Lo Specchio Scuro Migliori Film 2014

10. Tsili, di Amos Gitai

Amos Gitai alle prese con un paesaggio con bambina che diventa autobiografia esterna

Tsili Amos Gitai Lo Specchio Scuro Migliori Film 2014

separatore

MARCO GRIFÒ

1. Adieu au langage – Addio al linguaggio [Adieu au langage], Jean-Luc Godard

«Tutto quello che manca all’immaginazione si rifugia nella realtà. Resta da capire se ciò che non si pensa contamina ciò che si pensa». Esperienza sconvolgente, per rigettare i criteri dell’interpretazione del reale.

2. Sils Maria, Olivier Assayas

Un pluristratificato sistema di sguardi riflessi che fa sbalzare le incertezze della visione.

3. National Gallery, Frederick Wiseman

I protagonisti non sono i quadri del grande museo londinese, ma i visitatori, la fruizione delle opere d’arte, il significato stesso di Arte, però nella realtà vera del quotidiano.

4. Vizio di forma [Inherent Vice], Paul Thomas Anderson

Uno dei più ambiziosi, colorati, scopertamente appassionati, felicemente lisergici, incontri fra Cinema e Letteratura. Un’opera mastodontica.

5. Hungry Hearts, Saverio Costanzo

I volti appuntiti di Alba Rohrwacher sullo strato deflesso dello sguardo di Costanzo sono uno degli scenari più coraggiosi e tenaci della recente produzione del cinema italiano, nonché tra i più feroci e spaventevoli.

6. Saint-Laurent, Bertrand Bonello

Sull’uomo che diede la propria vita per l’apparenza. Quando il film diventa opera d’arte astratta.

7. P’tit Quinquin, Bruno Dumont

Nel mondo di Dumont la normalità è l’incontro fra l’assurdo e lo sguardo depurato, purificato. Candido e corrotto al tempo stesso.

8. Métamorphoses, Christophe Honoré

Sfida al mondo e ai suoi significati: cosa possono dirci la bellezza e la visione dell’inscalfibile perfezione degli dèi?

9. Turner [Mr. Turner], Mike Leigh

Sulle possibilità dell’arte e dell’uomo che diede al colore e alla composizione sempre più astratta dell’immagine un nuovo ruolo da protagonisti.

10. Maps to the Stars, David Cronenberg

La normale evoluzione del cinema del regista canadese: la carne putrescente dell’inconscio collettivo, impastato in uno sfondato, esploso, condiviso, virtuale e invisibile altrove.

separatore

ALBERTO LIBERA


I 10 DEL CUORE…

1. L’attesa del maggio, di Simone Massi

«[…] mi pare che questo nuovo film sia la summa della mia«carriera»: una sgangherata barchetta nel mare in burrasca che a dispetto di ogni logica e di ogni scommessa resiste e, miracolosamente, trova sempre un approdo di fortuna.» Per animi resistenti.

L'attesa del maggio Alberto Libera Migliori Film 2014 Lo Specchio Scuro

2. Adieu au langage – Addio al linguaggio [Adieu au langage], di Jean-Luc Godard

Non solo un home movie in stereoscopia che si fa, contemporaneamente, anamnesi e spettrografia di (quasi) tutto il cinema di Godard, ma anche un capolavoro spartiacque girato in un «3D, che intreccia, interrompe e confonde sagome, voci, luci, fino a violentare l’occhio» [Luigi Abiusi]. Una pietra miliare: negli anni si parlerà di un prima e un dopo Adieu au langage.

Adieu au langage Addio al linguaggio Jean-Luc Godard Migliori Film 2014 Alberto Libera Lo Specchio Scuro Goodbye to Language

3. National Gallery, di Frederick Wiseman

Perso tra i quadri del celebre museo londinese, Wiseman per la prima volta sembra ricercare quella «frontalità» che il suo percorso di documentarista ha sempre disatteso. Lo sguardo della m.d.p si trattiene, indugia, esita quasi a voler interrogare ogni opera passata in rassegna: per penetrare, forse, il mistero della loro imperitura bellezza.

National Gallery Frederick Wiseman Lo Specchio Scuro Alberto Libera Migliori Film 2014

4. From What Is Before [Mula sa kung ano ang noon], di Lav Diaz

La piccola Joselina come il popolo filippino: offesa, vilipesa, vittima di un potere che cinicamente abusa di debolezze genetiche e del silenzio indotto. Diaz diluisce il proprio racconto corale in cinque ore, guarda a Dostoevskij e lo combina con García Márquez. E mentre il Presidente Marcos ottiene il suo terzo mandato, una torsione finale azzera il film, riportandolo al punto di partenza: le Filippine della dittatura sono un girone infernale.

From What Is Before Lav Diaz Migliori Film 2014 Alberto Libera Lo Specchio Scuro Migliori FIlm 2014

5. Il segreto del suo volto [Phoenix], di Christian Petzold

Forse, Phoenix potrebbe essere considerato come l’epicentro di tutto il cinema di Petzold/Farocki, indispensabile per leggere retrospettivamente capolavori come Yella o Gespenster: contemporaneamente riverendo e negando La donna che visse due volte di Hitchcock, il film viviseziona la crisi d’identità di una Nazione (sorta di«gabbia d’acciaio» weberiana) che vive il trauma della rimozione mnestica.
Mentre, sottecchi, s’affaccia lo spettro del capitalismo: «distruggere il passato per creare il futuro».

Il segreto del suo votlo Phoenix Alberto Libera Migliori Film 2014 Lo Specchio Scuro Christian Petzold

6. One Cut, One Life, di Ed Pincus, Lucia Small

Per Pincus il documentario è sempre stato una questione (di) soggettiva, la macchina da presa una protesi dello sguardo del filmmaker. Malato terminale, con One Cut, One Life estremizza la riflessione sul trascorrere del Tempo dei suoi Diaries: solo una volta accettata la natura transeunte delle cose, si può riempire di significato ogni singolo istante.
Eppure, il film non è solamente questo. Punteggiato da una natura ripresa con sensibilità pressoché impressionista, diventa una riflessione su qualcosa che è non-documentabile: il processo interiore d’elaborazione della perdita.

One Cut, One Life Alberto Libera Migliori Film 2014 Ed Pincus Lucia Small Lo Specchio Scuro

7. The Little House [Chiisai ouchi], di Yôji Yamada

Per raccontare le proprie storie, Yamada continua ad attingere al serbatoio del cinema classico giapponese: qui, più che al nume tutelare Ozu, pare rifarsi ai melò di Naruse, Kinoshita e Ichikawa. Eppure, non si scambi il suo gesto d’autore per una semplice operazione di decalcomania. The Little House è invece saturo di una delle grandi ossessioni della contemporaneità: l’effige di un mondo sull’orlo dell’apocalisse.

The Little House Alberto Libera Migliori Film 2014 Lo Specchio Scuro Yoji Yamada

8. Maps to the Stars, di David Cronenberg

Tra Ballard (la «nuova carne») e Debord (La società dello spettacolo), tra The Canyons di Paul Schrader e Un oscuro scrutare di Philip K. Dick: il controcanto di Cosmopolis, la radiografia di un mondo in decomposizione, un perverso aggiornamento di Cantando sotto la pioggia.
Perché (ogni storia di) Hollywood è una storia di fantasmi.

Maps to the Stars Alberto Libera Migliori Film 2014 David Cronenberg Lo Specchio Scuro

9. Nobi, di Shin’ya Tsukamoto

Procedendo sulla falsariga del percorso inaugurato con Kotoko, Tsukamoto trasforma il romanzo di Shōhei Ōoka – e la sua meravigliosa trasposizione di Kon Ichikawa del’59: Fuochi nella pianura – in un’allucinazione baconiana di corpi marci, polverizzati, accatastati, disgregati e sgretolati. Un’esperienza sensoriale che percuote il nervo ottico e, soprattutto, martella i timpani: una danse macabre «futurista» [Michele Sardone] capace di visualizzare la percezione di quell’orrore connaturale ad ogni conflitto.

Nobi Alberto Libera Migliori Film 2014 Lo Specchio Scuro Tsukamoto

10. Vizio di forma [Inherent Vice], di Paul Thomas Anderson

Anderson incontra Pynchon: What’s Up, Doc?

Vizio di forma Alberto Libera Migliori FIlm 2014 Inherent Vice Lo Specchio Scuro Paul Thomas Anderson

…E ALTRI 10 FILM IRRINUNCIABILI (Segnalati in ordine alfabetico. Spiace, per giunta, non poterne citare almeno altrettanti più che apprezzati)

Aimer, boire et chanter, di Alain Resnais Belluscone. Una storia siciliana, di Franco Maresco Il giovane favoloso, di Mario Martone Jauja, di Lisandro Alonso Journey to the West [Xi you], di Tsai Ming-liang Os Maias – Cenas da Vida Romântica, di João Botelho Queen and Country, di John Boorman Tsili, di Amos Gitai Turner [Mr. Turner], di Mike Leigh O Velho do Restelo, di Manoel de Oliveira

#appendice

#Serie Tv: The Knick [Steven Soderberhgh] – P’tit Quinquin [Bruno Dumont]

#Esordi: Honeymoon [Leigh Janiak] – Lost River [Ryan Gosling]

separatore

SEBASTIANO LOMBARDO

1. Jauja, Lisandro Alonso

L’itinerario del cinema di Lisandro Alonso si aggiorna fino alla tappa del miraggio, luogo (mai ritrovato?) di definitiva identificazione fra lo spazio del paesaggio con quello della famiglia. Il tempo e le sue tracce svaniscono alla linea dell’orizzonte in questa trasognata riflessione sulla consunzione dei legami di discendenza.

Jauaj Lisandro Alonso Migliori film 2014 Lo Specchio Scuro Sebastiano Lombardo

2. Il segreto del suo volto [Phoenix], Christian Petzold

Contro la rimozione. L’immagine del passato appare invisibile pur vestendosi di rosso. Un fantasma, quello della Shoah, alla ricerca di un proprio volto e di una propria carne per sfuggire all’oblio. Petzold ammanta con eleganza e musicalità sopraffine un dramma capace di intersecare vividamente cinema e storia.

Il segreto del suo volto Phoenix Christian Petzold Migliori film 2014 Sebastiano Lombardo

3. From What Is Before [Mula sa kung ano ang noon], di Lav Diaz

Grande narrazione e puntiglio formale raggiungono un punto di perfetta congiunzione dando vita alla rappresentazione di un terribile preludio. I lamenti cosmici di un barrio nelle Filippine dei primi anni settanta annunciano la fine di un tempo, prodromi della legge marziale proclamata da Marcos.

From What Is Before Lav Diaz Lo Specchio Scuro Migliori film 2014 Sebastiano Lombardo

4. Tales of the Grim Sleeper, Nick Broomfield

Nick Broomfield torna a ficcare il naso nel torbido provando a gettare luce sul caso dell’omicida seriale Lonnie David Franklin Jr. Il risultato è un raggelante documentario, montaggio di testimonianze ambigue e discordanti raccolte per le strade dei quartieri sud di Los Angeles, intercalate fra una galleria di immagini a dir poco infernale.

Tales of the Grim Sleeper Nick Broomfield Lo Specchio Scuro Migliori film 2014 Sebastiano lombardo

5. Silvered Water, Syria Self-Portrait [Ma’a al-Fidda], Wiam Bedirxan, Ossama Mohammed

Accedere alla visibilità della guerra civile siriana grazie allo spazio di interlocuzione fra più sguardi costruito dal cinema. Civili e registi s’identificano nel ruolo del testimone, riproducendo una visione del conflitto sporca, cruda e brutale che provoca sgomento.

silvered water syria self-portrait lo specchio scuro migliori film 2014 sebastiano lombardo

6. The Look of Silence, Joshua Oppenheimer

Qualcosa di più di una semplice appendice al precedente The Act of Killing, The Look of Silence presenta nuovamente, a distanza ravvicinata, alcuni responsabili dell’eccidio di comunisti perpetrato dalle forze paramilitari dispiegate in Indonesia con l’avvento del regime dittatoriale alla metà degli anni sessanta. Faccia a faccia con la morte, senza paura.

The Look of Silence Joshua Oppenheimer Migliori film 2014 Lo Specchio Scuro Sebastiano Lombardo

7. Lost River, Ryan Gosling

Rutilante esordio alla regia per l’attore canadese che, pescando dalla schiera di cineasti di passata e prossima collaborazione (Refn, Malick), dipinge manieristicamente un affresco adolescenziale pulsante grazie alle potenti suggestioni visive angeriane fornite dall’apporto fotografico di Benoît Debie.

Lost river ryan gosling lo specchio scuro migliori film 2014 sebastiano lombardo

8. Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza [En duva satt på en gren och funderade på tillvaron], Roy Andersson

Interlocutorio, compassato, malinconico. L’ultimo film di Roy Andersson procede per contrasti e anacronismi, usi padroneggiati con maestria al fine di esprimere liricamente lo stato presente della condizione sociale dell’uomo nel suo confronto con la storia.

Un piccione seduto su un ramo riflette sullesis

9. Foxcatcher – Una storia americana [Foxcatcher], Bennett Miller

La lotta per la gloria si colora di nero in questo ritratto della parabola sportiva dei fratelli Schultz, protagonisti di una vicenda impregnata di pathos e sudore. La regia dai toni rarefatti di Bennett Miller scandaglia con grande rigore gli animi repressi e contraddittori di personaggi destinati allo scacco.

Foxcatcher - Una storia americana Foxcatcher Bennett Miller lo specchio scuro migliori film 2014 sebastiano lombardo

10. Nightcrawler, Dan Gilroy

Quando lo studio maniacale della manifestazione della realtà e dei suoi orrori fornisce le chiavi del successo professionale, la notte losangelina assurge a scenario di caccia euforica per il famelico Lou, in un’autentica escalation di bulimia mediale e di vattimiana «im-posizione» dell’evento.

nightcrawler dan gilroy migliori film 2014 lo specchio scuro sebastiano lombardo

separatore

MARTINA MELE

1. P’tit Quinquin, di Bruno Dumont / Andromeda, di Peter Paul Rubens (1640)

dumont martina toprubens martina top

2. Torneranno i prati, di Ermanno Olmi 

torneranno i prati martina top

3. Il sale della terra, di Juliano Ribeiro Salgado e Wim Wender

sale della terra martina top

4. Les tourmentes, di Pierre Yves Vandeweerd/ Pastora con su rebaño, di Jean-François Millet (1893)

les tourmentes martina toppastora martina top

5. Il giovane favoloso, di Mario Martone / Man and Woman Contemplating the Moon, di Caspar David Friedrich (1824)

giovane favoloso martina topfriedrich martina top

6. Sils Maria [Clouds of Sils Maria], di Olivier Assayas / Das Wolkenphänomen von Maloja, di Arnold Fanck (1924)

sils maria martina tio fanck martina top

7. Gone Girl, di David Fincher / Rolling Stones, 1981, di Annie Leibovitz

gone girl martina toprolling stone martina top

8. The Iron Ministry, di J.P. Sniadecki / Woman with Dead Child (1903), di Kathe Kollwitz

iron ministry martina top

Woman with Dead Child - Kathe Kollwitz

9. Vizio di forma [Inherent Vice], di Paul Thomas Anderson/ Vitamin C, dei Can

10. The Knick, di Steven Soderbergh / Lezione di anatomia del dottor Tulp, di Rembrandt (1632)

knick martina top rmbrandt martina top

separatore

NICOLÒ VIGNA

national gallery 2

1. | 10. From What Is Before [Mula sa kung ano ang noon] | Storm Children, Book One [Mga anak ng unos, Unang aklat], di Lav Diaz

2. Adieu au langage, di Jean-Luc Godard

 

3. Cavalo Dinheiro, di Pedro Costa

4. Maps to the Stars, di David Cronenberg

 

5. Vizio di forma [Inherent Vice], di Paul Thomas Anderson

6. National Gallery, di Frederick Wiseman

7. Jauja, di Lisandro Alonso

8. Fires on the Plain [Nobi], di Shin’ya Tsukamoto

9. The Absent [Los ausentes], di Nicolás Pereda

Menzione speciale: ovvero, “fuori formato”.

Washingtonia, di Konstantina Kotzamani