Prima di Marlene e del sonoro: Sternberg e il sistema-Hollywood

  di   Vittorio Renzi