Sono stati tre giorni intensi quelli del Laterale Film Festival di Cosenza: dall’11 al 13 giugno al Cinema San Nicola sono stati proiettati 30 cortometraggi dei generi più diversi e disparati. Si è trattato di un affascinante percorso nei meandri delle potenzialità cinematografiche, soprattutto se pensiamo che si tratta di opere che cercano di superare il confine dello schermo e avvolgere sensorialmente gli spettatori, con effetti che la sala può solo amplificare. Considerando poi l’obbiettivo del festival, che nelle parole di Mattia Biondi (organizzatore del Laterale) è stato aggirarsi “ai margini dell’industria e delle convenzioni visive per trovare nella sperimentazione sul linguaggio nuove vie di fuga”, non si può trascurare l’intento certamente rivoluzionario di molte delle opere presentate.
La breve durata aiuta parecchio a concentrare l’attenzione su aspetti prettamente cinematografici. È il caso di Vigils di Peter Treherne, che appena in 7 minuti perlustra il rigore religioso di un campo/controcampo all’interno di una chiesa (altare/fedeli), e poi lo destruttura con una camera a mano che racconta una strana visione nella strada di fronte alla chiesa.

laterale film festival speciale - 1

laterale film festival speciale - 2

laterale film festival speciale - 3Il campo/controcampo iniziali in Vigils, seguiti da una dissacratoria camera a mano su una strana manifestazione all’esterno.

E sulla stessa strada si potrebbe inserire Flowing (for Naruse) di Ross Meckfessel, essenziale e ineccepibile in tre sole inquadrature (2 soli minuti) come dedica a uno dei più grandi registi giapponesi1.
Come preannunciato dallo stesso Mattia Biondi, l’invisibile è il motore che muove il cinema laterale (quest’anno come l’anno scorso), e lo si “vede” declinato in moltissime forme, per esempio in O Meu Pijama di Maria Ines Gonçalves, che sembra solcare un tracciato post-hanekiano già percorso da Les démons di Philippe Lesage2. Qui l’invisibile sta certamente nella tensione proto-sessuale che muove i giovanissimi protagonisti, strozzati da un’inquadratura che raramente si allarga a illustrare l’ambiente circostante; solo nel finale, una delle ragazzine scappa di casa e sembra scambiare uno sguardo con l’invisibile incarnato dalla cinepresa, dal Cinema, dall’età adulta.

laterale film festival speciale - 4L’immagine finale di O meu pijama.

Anche Visit di Yannis Zafiris, essenziale esperimento che indaga la struttura dell’immagine apparentemente più disinteressata per ricostruire un terribile lutto, perlustra l’invisibile illudendo e ingannando la percezione dello spettatore.

laterale film festival speciale - 5Il mondo che circonda il protagonista implode nello sfocato in Visit.

E così di seguito La cognizione del calore di Salvatore Insana, che con impeto bargelliniano (vedasi Fractions of Temporary Periods di Piero Bargellini, 1965) sembra una risposta a quanto dice Bruno Dumont a proposito del suo Cinema, per cui “la ripresa dei paesaggi al Cinema non ha niente a che fare con il reale” e “quando sto filmando un paesaggio, sto filmando l’interiorità del personaggio.” Specialmente in questo caso l’oggetto dell’osservazione-spia è pretestuoso e serve a consegnare allo spettatore lo sguardo attivo di un voyeur: la partecipazione fisica di quest’ultimo è proporzionale a colori, messa a fuoco e perdita della forma delle cose.

laterale film festival speciale - 6da La cognizione del calore di Salvatore Insana.

Il Laterale Film Festival si è rivelato anche specchio della percezione che i piccoli autori sperimentali hanno del grande cinema d’Autore. Esempio lampante è May Devotions to the Blessed Virgin Mary di Piotr Piasta, che distilla pillole di cinema fra Jonas Mekas e Philippe Grandrieux (L’Arrière-saison, di cui già si è scritto in queste pagine) per arrivare a una sintesi à la Reygadas, in cui la spiritualità è nel confine dell’immagine, nei suoi bordi e nei suoi ingredienti principali. Come in Grandrieux, si vuole indagare la naturale presenza delle cose, di ciò che c’è ma che sembra convivere con qualcosa che non si vede

laterale film festival speciale - 7In May Devotions to the Blessed Virgin lo split-screen rimanda a un’alterità, fuori ma “presente” durante le preghiere delle donne.

Ed è di certo dall’influenza del Cinema di Chantal Akerman che deriva un’opera come Ines manches di Tiago Rosa-Rosso, con i suoi attoniti interni e con la donna protagonista che recita e si muove senza un’apparente spiegazione come in Saute ma ville (1968) della grande regista francese.

laterale film festival speciale - 8Ines Marches di Tiago Rosa-Rosso.

Non ci si è lasciati sfuggire nemmeno il documentario, con esperimenti come Ida di Giorgia Ruggiano (suggestivo e umile ritratto di anziana signora) e The Secret Shearer di Filippo Ticozzi (che con rimandi al lynchano The Amputee, 1974, aspira a un’inquietudine consegnata direttamente dalle scelte di montaggio, come nel “deforme” incipit).

laterale film festival speciale - 9Lo strano corpo flaccido mostrato in primo piano all’inizio di The Secret Shearer si rivelerà essere il moncherino di un uomo senza gamba.

Grande suggestione arriva anche sul fronte delle conseguenze del cinema di Stan Brakhage: si pensi a Dagadòl di Morgan Menegazzo e Mariachiara Pernisa, che riflette direttamente sulla tensione fra figura e luce, impedendo alla vista di scrutare qualcosa di definito; o a Cut to the Chase di Dean Kavanagh, che si domanda se effettivamente l’ostacolo a vedere non sia esso stesso il motore che ci permette di “vedere” più nel profondo, al Cinema. In queste opere la pluristratificazione, i layer dell’immagine, affidati alle riprese fisiche e non alla post-produzione, cercano di trovare nell’artigianato di un effetto visivo la realtà dell’attimo filmato.

laterale film festival speciale - 10In Cut to the Chase il Cinema, rievocato dalla cinepresa e dalla pellicola in primo piano, torna alla sua forma primordiale, la Luce, che come molti altri espedienti può impedire una visione precisa delle cose, ma permette di andare al cuore dei meccanismi della percezione.

Il Laterale Film Festival si è rivelato una via per interrogare i nostri occhi e le nostre orecchie a proposito del loro funzionamento più spontaneo, al fine di un riconciliamento catartico con il proprio Io conscio e inconscio al contempo. Può essere una presa di posizione politica, culturale, asservita ad altri scopi, ma può anche essere una necessità fisiologica per trovare nell’alterità e nei riflessi noi stessi.

laterale film festival speciale - 11Turtles Are Always Home di Rawane Nassif.

NOTE

1 Mikio Naruse, ndr

2 In entrambi i film i protagonisti sono giovani costretti ad affacciarsi alla vita adulta e ad affrontare alcuni traumi a volte reali a volte fantasmatici e impercettibili. È il caso dello stupratore seriale nel film di Lesage, ed è il caso della ouija nel film di Gonçalves: entrambi gli elementi sono affidati a riprese silenziose, sornione, che non spiegano ma alludono, come nel finale di Caché di Michael Haneke, 2005.