Lamento per la luce perduta. A proposito di ‘Notturno’ di Gianfranco Rosi

  di   Alessandro Cappabianca