LORENZO BALDASSARI

 

IN PRINCIPIO

Voyage of Time: Life’s Journey, di Terrence Malick

voyage of time malick classifica film 2016

Sleep Has Her House, di Scott Barley

sleep has her house recensione scott barley lo specchio scuro

 

IL CINEMA NEL MONDO DIVENTATO FAVOLA

The Neon Demon, di Nicolas Winding Refn

They starve to death… hoping, praying that one day they’ll look like a second-rate version of me.

the neon demon

Allied, di Robert Zemeckis

C’est moi. This is really me, as I am before God.

allied zemeckis specchio scuro

Personal Shopper, di Olivier Assayas

Is that you? Or is it just me?

personal shopper

Nocturnal Animals, di Tom Ford

Believe me, our world is a lot less painful than the real world.

nocturnal animals classifica 2016

MENZIONI SPECIALI

(Segnalati in ordine alfabetico)

A Lullaby for the Sorrowful Mystery, di Lav Diaz

By the Time It Gets Dark, di Anocha Suwichakornpong

Déserts, di Charles-André Coderre e Yann-Manuel Hernandez

The Handmaiden, di Park Chan-Wook

Hinterlands, di Scott Barley

La La Land, di Damien Chazelle

separatore

STEFANO CASELLI

(Affacciati sul baratro spettrale a scoprire che gli spettri siamo noi. 5 film dal 2016)

#1 Personal Shopper, di Olivier Assayas

L’arcano è il fantasma: un cinema irrisolto

personal shopper stefano caselli

#2 The Wailing [Gok seong], di Na Hong-jin

L’arcano è la verità: un cinema costretto a soffrire

the wailign stefano caselli

#3 È solo la fine del mondo [Juste la fin du monde], di Xavier Dolan

L’arcano è lo spazio: un cinema troppo umano, disumano

#4 The Neon Demon, di Nicolas Winding Refn

L’arcano è il reale: la luce è un’allucinazione

the neon demon stefano caselli

#5 Your Name [Kimi no na wa.], di Makoto Shinkai

L’arcano è l’incontro: il tempo è una condanna

your name stefano caselli

separatore

ANDREINA DI SANZO

I film che ho amato, sparsi in ordine sensoriale.

Primavera: Nocturama Arrival / The Neon Demon / Voyage of Time

top 2016 neondemon primavera

Estate: Ma Loute / Safari / Grave / The Handmaiden

top 2016 handmaiden estate

Autunno: La mort de Louis XIV / Animali notturni / The Wailing / Elle

top 2016 lamortdelouisxiv autunno

Inverno: Personal Shopper / The Woman Who Left / La tartaruga rossa / Cane mangia cane

top 2016 personal shopper inverno

 

separatore

FABIO FULFARO

Elle [Paul Verhoeven]

Requiem per la famiglia borghese

elle fabio fulfaro

Paterson [Jim Jarmusch]

La poesia delle piccole cose di ottimo gusto

paterson top 2016

Una vita [Une vie, Stéphane Brizé]

Ogni cosa è illuminata dal ricordo

Vi presento Toni Erdmann [Toni Erdmann, Maren Ade]

Nel nome (grottesco) del padre

toni erdmann fabio fulfaro

Split [Manoj Night Shyamalan]

La specialità della diversità

split fulfaro

Personal Shopper [Olivier Assayas]

Riportare in vita i morti

vlcsnap-2017-10-21-15h23m45s3

Fai bei sogni [Marco Bellocchio]

Alla ricerca della madre perduta

fai bei sogni

Frantz [François Ozon]

Identificazione di un amore impossibile

vlcsnap-2017-02-15-10h51m21s95

Voyage of Time: Life’s Journey [Terrence Malick]

L’immagine-cosmo

vlcsnap-2017-09-16-12h37m53s81

La ragazza senza nome [La fille inconnue, Jean-Pierre Dardenne e Luc Dardenne]

La moralità di una scelta

la ragazza senza nome

SERIE TV: The Night Of – Cos’è successo quella notte? [The Night Of, creata da Richard Price e Steven Zaillian]

separatore

MARCO GRIFÒ

vlcsnap-2017-09-16-13h27m11s164

1) Bitter Money [Ku Qian], di Wang Bing

Il rigore usuale della regia di Wang Bing tremola: vivisezione dell’empatia al Cinema.

2) Voyage of Time: Life’s Journey di Terrence Malick

Viaggio nell’occhio della Divinità.

3) The Neon Demon di Nicolas Winding Refn

O dell’immagine velenosa.

4) Nocturama di Bertrand Bonello

Zombie in un dipinto di Piet Mondrian.

5) One More Time with Feeling di Andrew Dominik

Uno spiraliforme inabissamento fra Cinema e Musica.

6) Spira Mirabilis di Massimo D’Anolfi, Martina Parenti

La techné e il Cinema come plasma.

7) Silence di Martin Scorsese

Lo sguardo sadico e l’atto di Fede.

8) Una vita [Une vie] di Stéphane Brizé

La vita è ciò che avviene tra un evento e un altro.

9) Personal Shopper di Olivier Assayas

“Is that you? Or is it just me?”.

10) Elle di Paul Verhoeven

La dissacrazione definitiva del genere-Cinema.

separatore

ALBERTO LIBERA

Le citazioni sono tratte da un romanzo anch’esso del 2016, Zero K di Don DeLillo [pubblicato in Italia da Einaudi]

I 10 +2 DEL CUORE…

Simulazioni

Stiamo forse simulando la fine per poterla studiare, e magari per riuscire a sopravvivere?

#Allied – Un’ombra nascosta [Allied, Robert Zemeckis]

#Sully [id., Clint Eastwood]

allied top 2016

sully top 2016

Poesia

Era una specie di poesia dell’illusione.

#Neruda [id., Pablo Larraín]

#A Quiet Passion [id., Terence Davies]

neruda top 2016

vlcsnap-2017-07-23-12h30m42s126

Storia

Non è una terra flagellata e pressata dalla storia. La storia che è qui è sepolta. […] La storia è nei tumuli. Siamo al di fuori dei confini ultimi. Stiamo dimenticando tutto quello che sapevamo. […] Riusciamo a vedere noi stessi che viviamo al di fuori del tempo, al di fuori della storia? […] Siamo caduti fuori dalla storia.

#La mort de Louis XIV [id., Albert Serra]

#A Lullaby to the Sorrowful Mystery [Hele sa hiwagang hapis, Lav Diaz]

la mort de louis xiv top 2016

a lullaby to the sorrowful mystery alberto libera top 2016

Fede

Tecnologia basata sulla fede. Ecco cos’è. Un altro dio. Non tanto diverso, alla fine, da alcune nostre divinità del passato. Solo che è un dio reale, questo, è vero, mantiene le promesse.

#Silence [id., Martin Scorsese]

#Rogue One: A Star Wars Story [id., Gareth Edwards]

silence top 2016

rogue one top 2016

Fantasmi

Avrete una vita da fantasma all’interno della scatola cranica

#Personal Shopper [id., Olivier Assayas]

#The Neon Demon [id., Nicolas Winding Refn]

personal shopper top 2016

the neon demon top 2016

…e ancora fantasmi (di luoghi)

Un’altra immagine ripresa da un drone, una città distrutta, una città fantasma, minuscole figure che frugano in mezzo alle macerie.

#The Illinois Parables [id., Deborah Stratman]

#Sleep Has Her House [id., Scott Barley]

the illinois parables top 2016

sleep has her house top 2016 alberto liebra

E ALTRI 10 FILM IRRINUNCIABILI

Ave, Cesare! [Hail, Caesar!], di Joel ed Ethan Coen

Elle, di Paul Verhoeven

Home sapiens, di Niklaus Geyrhalter

Julieta, di Pedro Almodóvar

Ma Loute, di Bruno Dumont

Paterson, di Jim Jarmusch

Quando hai 17 anni [Quand on a 17 ans], di André Tèchiné

Spira Mirabilis, di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti

10 Cloverfield Lane, di Dan Trachtenberg

Voyage of Time: Life’s Journey, di Terrence Malick

APPENDICE

#CORTI e #NUOVI SGUARDI: Animal político [Tião], Autumn, Autumn [Jang Woojin], À voix haute – La force de la parole [Stéphane de Freitas, Ladj Ly], Best of Luck with the Wall [John Begley], By the Time It Gets Dark [Dao khanong, Anocha Suwichakornpong], Cameraperson [Kirsten Johnson], Che Dio ci perdoni [Que Dios nos perdone, Rodrigo Sorogoyen], Colombi [Luca Ferri], I cormorani [Fabio Bobbio], I corrotti: The Trust [The Trust, Alex e Benjamin Brewer], Harmonium [Fuchi ni tatsu, Kôji Fukada], The Hedonists [Jia Zhang-ke], Hinterlands [Scott Barley], Ilegitim [Adrian Sitaru], Indagine su sei brani di vita rumorosa dispersi in un’estate afosa [Ilaria Pezone], Lady Macbeth [William Oldroyd], Mimosas [Oliver Laxe], The Neighbor [Marcus Dunstan], L’ombra della paura a.k.a. Sotto l’ombra [Under the Shadow, Babak Anvari], Sarah Winchester, opéra fantôme [Bertrand Bonello], O Silêncio de Céu [Marco Dutra], Taekwondo [Marco Berger, Martín Farina], La tartaruga rossa [La Tortue rouge, Michaël Dudok de Wit], A Train Arrives at the Station [Thom Andersen], Turn Left Turn Right [Douglas Seok]

#SERIE TV: Atlanta [creata da Donald Glover], S01

separatore

SEBASTIANO LOMBARDO

#1 – The Neon Demon [Nicolas Windidng Refn]

1 the neon demon

#2 – Paterson [Jim Jarmusch]

2 paterson

#3 – Neruda [Pablo Larraín]

3 neruda

#4 – Julieta [Pedro Almodóvar]

4 julieta

#5 – Elle [Paul Verhoeven]

5 elle

#6 – Silence [Martin Scorsese]

6 silence

#7 – Lo and Behold, Reveries of the Connected World [Werner Herzog]

7 lo and behold

#8 – Arrival [Denis Villeneueve]

8 arrival

#9 – Split [Manoj Night Shyamalan]

9 split

#10 – Ma Loute [Bruno Dumont]

10 ma loute

separatore

MARTINA MELE

Appunti critici/confronti più o meno pertinenti/frame preferiti.

Animali notturni [Nocturnal Animals, Tom Ford]

top 2016 martina mele - 1

Virtualità di confini tra cinema e letteratura, immagine e parola.
Scrive Boehm: «ciò che ci si presenta come immagine si basa su un unico contrasto fondamentale, quello tra la totalità di una superficie chiaramente visibile (ndr: l’immagine cinematografica di Nocturnal Animals) e tutte le interazioni che essa include al suo interno (ndr: il romanzo di riferimento di Wright; il romanzo del protagonista della pellicola fordiana Edward Sheffield)» (Boehm – La svolta iconica, 2009).

Civiltà perduta [The Lost City of Z, James Gray] / Claude Lévi-Strauss

top 2016 martina mele - 2

top 2016 martina mele - 3

top 2016 martina mele - 4

Lévi-Strauss fa il bagno con i Nambikwara, popolazione indigena del Brasile (1938).

Elle [id., Paul Verhoeven] / La cérémonie (Claude Chabrol, 1995)

Isabelle Huppert a mano armata:

top 2016 martina mele - 5

top 2016 martina mele - 6

Ma Loute [id., Bruno Dumont] / Monsieur Fantômas [id., Ernst Moerman (1937)]

top 2016 martina mele - 7

top 2016 martina mele - 8

https://www.youtube.com/watch?v=s1dB9ohx39Q

I cormorani [id., Fabio Bobbio] / Helpless Stones [Koroishi, Takuya Dairiki e Takashi Miura, 2010]

top 2016 martina mele - 9

top 2016 martina mele - 10

I Cormorani: documentario creativo (Tue Steen Müller) che esercita un trattamento visivo della realtà in cui viviamo, declinandola secondo prospettive ed interpretazioni personali. Caratteristica è la dispersione dei corpi nel paesaggio che ricorda film come Helpless Stones (Koroishi, 2010) di Takuya Dairiki e Takashi Miura.

Silence [id., Martin Scorsese]

top 2016 martina mele - 11

top 2016 martina mele - 12

top 2016 martina mele - 13

La La Land [id., Damien Chazelle]

top 2016 martina mele - 14

Mentre guardavo La La Land, pensavo a quanto scrive Serge Daney a proposito di un film della Breillat: «Lungi dall’essere solo e semplicemente il luogo di un’apertura verso l’altro, (ndr: il cinema) diverrebbe l’unico luogo in cui potrei aprirmi, in incognito, all’altro. E (il cinema) sarebbe allora il “mio” luogo.» (Il cinema, e oltre. Diari 1988-1991) Beh, La La Land rappresenta quel “mio” luogo.

Rester Vertical [id., Alain Guiraudie]

top 2016 martina mele - 15

Ernst Lubitsch / Frantz [id., François Ozon]

top 2016 martina mele - xxx

Poster francese di Broken Lullaby (1932); Poster tedesco di Frantz [id.,], film liberamente ispirato alla citata pellicola lubitschiana.

Personal Shopper [id., Olivier Assayas]

top 2016 martina mele - 16~1

top 2016 martina mele - 17~1

«No desire if it’s not forbidden»

separatore

ANDREA TERMINI

#1 – A Lullaby to the Sorrowful Mystery [Hele sa Hiwagang Hapis], di Lav Diaz

a lullaby andrea

#2 – The Neon Demon, di Nicolas Winding Refn

neon demon andrea

#3 – Personal Shopper, di Olivier Assayas

 personal shopper andrea

#4 – Nocturama, di Bertrand Bonello

nocturama andrea 

#5 – Neruda, di Pablo Larraín

 neruda andrea

#6 – La mort de Louis XIV, di Albert Serra

la mort andrea

 #7 – La tartaruga rossa [La Tortue rouge], di Michaël Dudok de Wit

la tartaruga rossa andrea 

#8 – Paterson, di Jim Jarmusch

paterson andrea

 #9 – Civiltà perduta [The Lost City of Z], di James Gray

#10 – Voyage of Time: Life’s Journey, di Terrence Malick

voyage of time andrea

separatore

NICOLÒ VIGNA

AL CUORE.
Your Name, di Makoto Shinkai.

L’IMMAGINE DIVORATA.
#1 – The Neon Demon, di Nicolas Winding Refn.

#2 – Nocturama, di Bertrand Bonnello.

#3 – Personal Shopper, di Olivier Assayas.

GENESI E APOCALISSE.
#1 – Voyage of Time: Life’s Journey, di Terrence Malick.

#2 – Homo Sapiens, di Nikolaus Geyrhalter.

#3 – Into the Inferno, di Wener Herzog.

FUORI FORMATO. RICERCHE.
#1 – A Lullaby to the Sorrowful Mystery, di Lav Diaz.

#2 – Beduino, di Júlio Bressane.

#3 – Sleep Has Her House, di Scott Barley.

E AL CUORE, ANCORA.
La tartaruga rossa, di Michaël Dudok de Wit.

Nonché due menzioni speciali. Per i sadici, vendicativi Animali notturni di Tom Ford, e per l’immenso, marcescente Jean-Pierre Léaud de La mort de Louis XIV di Albert Serra.