LO SPECCHIO SCURORivista online di cinema e altre arti audiovisive

Gli articoli più recenti della redazione

NOTEBOOK
the palace
Humour nero in Svizzera: “The Palace” di Polanski

Humour nero. Surrealismo. La farsa funziona fino alla fine. La Svizzera, come l’umanità, non ne esce bene.

Visioni da un futuro passato: l’estetica «steampunk» al cinema

Il termine «steampunk» nasce e si diffonde in letteratura nella seconda metà degli anni Ottanta e definisce alcune opere di stampo fantascientifico ambientate in un passato immaginario.

“Il ragazzo e l’airone”: un’autobiografia fantastica

La grande differenza tra Il ragazzo e l’airone e le opere precedenti di Miyazaki sta nell’accumulo di simboli e allegorie: una vertiginosa densità di rimandi, citazioni e metafore.

Gli speciali ricorrenti della rivista

RUBRICHE
Defibrillare il reale: Intervista a Tommaso Santambrogio

Un confronto critico con l'autore di Taxibol e Gli oceani sono i veri continenti, che può essere utile sia come introduzione alle opere sia come sintesi momentanea del lavoro di un autore.

“Omicron”: l’uomo è antiquato

Omicron di Ugo Gregoretti riprende certe riflessioni contenute nel celebre L'uomo è antiquato del filosofo Günther Anders e in Sorvegliare e punire. Nascita della prigione: la riduzione dell'individuo a macchina, la perdita delle spinte volontaristiche, il rapporto mente-corpo.

David Fincher: Frame by Frame

Quella di Fincher è una firma immediatamente riconoscibile: non tanto per unitarietà tematica, quanto invece per il rigore di una messa in scena ipercontrollata, meticolosa ai limiti della maniacalità.

Le ultime puntate

PODCAST
Camminare nei videogiochi: per una fenomenologia delle ‘soglie di contatto’ virtuali

Come camminiamo nei videogiochi? Da una prospettiva fenomenologica, la domanda dà modo per riflettere sul concetto di presenza nel virtuale, e sulle "soglie di contatto" tra corpi e spazi virtuali.

“Murder House”, tra survival horror e slasher movie

Prendendo a pretesto Murder House, si individuano alcune traiettorie di continuità e discontinuità tra slasher cinematografico e survival horror, tra spettacolarizzazione della morte e feminine gaze.

Una lettura esistenzialista di “Persona 4 Golden”

In Persona 4, come in altri episodi della serie, crescere significa accettare la fattità dell'esistenza e scendere a patti con il proprio ruolo nel mondo. Per farlo, però, è necessario affrontare i desideri di evasione in una realtà immaginaria.

Lo speciale su un genere ritenuto scomparso

IL THRILLER EROTICO CONTEMPORANEO TRA CINEMA E PIATTAFORME STREAMING
showgirls
L’occhio puritano. Ipermediazione, sesso e disconoscimento del desiderio nella Hollywood di oggi

I film di oggi hanno abbastanza scene di sesso? C'era un tempo, a Hollywood, in cui era ancora possibile trovare emozioni nella dimensione concreta dell'esistenza, essere attratti dallo spettacolo dei corpi. Quel tempo è ormai passato.

La colpevolizzazione dell’Eros nei remake seriali di “American Gigolo”, “Attrazione fatale”, “Il danno” e “Inseparabili”

L’eros rischia di non essere più, come un tempo, strumento di affrancamento, di scoperta di sé o di affermazione identitaria quanto, al contrario, una specie di lacerazione implosa, una banale forma di evasione dal consorzio civile.

Il ritorno di Adrian Lyne. Analisi di “Acque profonde”

Il film di Lyne è una storia d’amore e d’ossessione in cui l’ambiguità e il non-detto – quanta complicità c’è negli sguardi reciproci tra Vic e Melinda? – sono il cuore del film.

Le pubblicazioni della rivista

GLI ULTIMI NUMERI
LO SPECCHIO SCURO 2 – L’ETÀ DELLA RIPETIZIONE: TRA NOSTALGIA E AUTOREFERENZIALITÀ

Partendo dall’ultimo film di Quentin Tarantino, in questo secondo Numero de «Lo Specchio Scuro» prendiamo in esame il tema della ripetizione nelle sue forme più attuali e di maggior interesse teorico ed economico

ANNO 2022   |   IN TUTTI I NUMERI
LO SPECCHIO SCURO 1 – TWIN PEAKS 3 E GLI UNIVERSI CONVERGENTI NELL’AUDIOVISIVO CONTEMPORANEO

Partendo dal caso emblematico di Twin Peaks – Il ritorno di David Lynch, il primo Numero de «Lo Specchio Scuro» prende in esame alcuni esempi rilevanti di “creazione di mondi” all’interno di specifici ambiti artistici contemporanei; in special modo, il cinema, la serialità e il videogioco.

ANNO 2021   |   IN TUTTI I NUMERI

Gli ultimi speciali della rivista

FUORI NUMERO
BAROCCO E CINEMA: IL SEICENTO DI PETER GREENAWAY

Uno speciale dedicato al cinema barocco di Peter Greenaway in occasione degli 80 anni del regista. Prendiamo in esame le sue collaborazioni musicali più rilevanti (Michael Nyman, Marco Robino) e cinque film che trattano esplicitamente il tema del Seicento.

GENNAIO 2023   |   IN FUORI NUMERO
I MELODRAMMI DI DOUGLAS SIRK ALLA UNIVERSAL-INTERNATIONAL, 1954-1959

Dedichiamo un omaggio a Douglas Sirk in occasione della retrospettiva del Festival di Locarno. Prendiamo in esame i melodrammi che il regista ha realizzato alla Universal-International dal 1954 al 1959: Secondo amore, Come le foglie al vento, Il trapezio della vita e Lo specchio della vita.

AGOSTO 2022   |   IN FUORI NUMERO

Le ultime pubblicazioni online

DALLA RIVISTA

Il canale de Lo Specchio Scuro

PODCAST

Lo Specchio Scuro sui social

SOCIAL MEDIA

Tutti gli articoli

CATEGORIE

Gli articoli più recenti della redazione

NOTEBOOK
the palace
Humour nero in Svizzera: “The Palace” di Polanski

Humour nero. Surrealismo. La farsa funziona fino alla fine. La Svizzera, come l’umanità, non ne esce bene.

Visioni da un futuro passato: l’estetica «steampunk» al cinema

Il termine «steampunk» nasce e si diffonde in letteratura nella seconda metà degli anni Ottanta e definisce alcune opere di stampo fantascientifico ambientate in un passato immaginario.

“Il ragazzo e l’airone”: un’autobiografia fantastica

La grande differenza tra Il ragazzo e l’airone e le opere precedenti di Miyazaki sta nell’accumulo di simboli e allegorie: una vertiginosa densità di rimandi, citazioni e metafore.

Gli speciali ricorrenti della rivista

RUBRICHE
Defibrillare il reale: Intervista a Tommaso Santambrogio

Un confronto critico con l'autore di Taxibol e Gli oceani sono i veri continenti, che può essere utile sia come introduzione alle opere sia come sintesi momentanea del lavoro di un autore.

“Omicron”: l’uomo è antiquato

Omicron di Ugo Gregoretti riprende certe riflessioni contenute nel celebre L'uomo è antiquato del filosofo Günther Anders e in Sorvegliare e punire. Nascita della prigione: la riduzione dell'individuo a macchina, la perdita delle spinte volontaristiche, il rapporto mente-corpo.

David Fincher: Frame by Frame

Quella di Fincher è una firma immediatamente riconoscibile: non tanto per unitarietà tematica, quanto invece per il rigore di una messa in scena ipercontrollata, meticolosa ai limiti della maniacalità.

Le ultime puntate

PODCAST
Camminare nei videogiochi: per una fenomenologia delle ‘soglie di contatto’ virtuali

Come camminiamo nei videogiochi? Da una prospettiva fenomenologica, la domanda dà modo per riflettere sul concetto di presenza nel virtuale, e sulle "soglie di contatto" tra corpi e spazi virtuali.

“Murder House”, tra survival horror e slasher movie

Prendendo a pretesto Murder House, si individuano alcune traiettorie di continuità e discontinuità tra slasher cinematografico e survival horror, tra spettacolarizzazione della morte e feminine gaze.

Una lettura esistenzialista di “Persona 4 Golden”

In Persona 4, come in altri episodi della serie, crescere significa accettare la fattità dell'esistenza e scendere a patti con il proprio ruolo nel mondo. Per farlo, però, è necessario affrontare i desideri di evasione in una realtà immaginaria.

Lo speciale su un genere ritenuto scomparso

IL THRILLER EROTICO CONTEMPORANEO TRA CINEMA E PIATTAFORME STREAMING
showgirls
L’occhio puritano. Ipermediazione, sesso e disconoscimento del desiderio nella Hollywood di oggi

I film di oggi hanno abbastanza scene di sesso? C'era un tempo, a Hollywood, in cui era ancora possibile trovare emozioni nella dimensione concreta dell'esistenza, essere attratti dallo spettacolo dei corpi. Quel tempo è ormai passato.

La colpevolizzazione dell’Eros nei remake seriali di “American Gigolo”, “Attrazione fatale”, “Il danno” e “Inseparabili”

L’eros rischia di non essere più, come un tempo, strumento di affrancamento, di scoperta di sé o di affermazione identitaria quanto, al contrario, una specie di lacerazione implosa, una banale forma di evasione dal consorzio civile.

Il ritorno di Adrian Lyne. Analisi di “Acque profonde”

Il film di Lyne è una storia d’amore e d’ossessione in cui l’ambiguità e il non-detto – quanta complicità c’è negli sguardi reciproci tra Vic e Melinda? – sono il cuore del film.

Le pubblicazioni della rivista

GLI ULTIMI NUMERI
LO SPECCHIO SCURO 2 – L’ETÀ DELLA RIPETIZIONE: TRA NOSTALGIA E AUTOREFERENZIALITÀ

Partendo dall’ultimo film di Quentin Tarantino, in questo secondo Numero de «Lo Specchio Scuro» prendiamo in esame il tema della ripetizione nelle sue forme più attuali e di maggior interesse teorico ed economico.

ANNO 2022   |   IN TUTTI I NUMERI
LO SPECCHIO SCURO 1 – ‘TWIN PEAKS 3’ E GLI UNIVERSI CONVERGENTI NELL’AUDIOVISIVO CONTEMPORANEO

Una riflessione su cinema e paradossi temporali, la semantica dei mondi possibili applicata all’analisi del film, analisi di Twin Peaks 3 di David Lynch, Spiderman: un nuovo universo, le serie Dark, Loki e tanto altro.

ANNO 2021   |   IN TUTTI I NUMERI

Gli ultimi speciali della rivista

FUORI NUMERO
BAROCCO E CINEMA: IL SEICENTO DI PETER GREENAWAY

Uno speciale dedicato al cinema barocco di Peter Greenaway in occasione degli 80 anni del regista. Prendiamo in esame le sue collaborazioni musicali più rilevanti (Michael Nyman, Marco Robino) e cinque film che trattano esplicitamente il tema del Seicento.

GENNAIO 2023   |   IN FUORI NUMERO
I MELODRAMMI DI DOUGLAS SIRK ALLA UNIVERSAL-INTERNATIONAL, 1954-1959

Dedichiamo un omaggio a Douglas Sirk in occasione della retrospettiva del Festival di Locarno. Prendiamo in esame i melodrammi che il regista ha realizzato alla Universal-International dal 1954 al 1959: Secondo amore, Come le foglie al vento, Il trapezio della vita e Lo specchio della vita.

AGOSTO 2022   |   IN FUORI NUMERO

Gli articoli più recenti della redazione

NOTEBOOK
the palace
Humour nero in Svizzera: “The Palace” di Polanski

Humour nero. Surrealismo. La farsa funziona fino alla fine. La Svizzera, come l’umanità, non ne esce bene.

Visioni da un futuro passato: l’estetica «steampunk» al cinema

Il termine «steampunk» nasce e si diffonde in letteratura nella seconda metà degli anni Ottanta e definisce alcune opere di stampo fantascientifico ambientate in un passato immaginario.

“Il ragazzo e l’airone”: un’autobiografia fantastica

La grande differenza tra Il ragazzo e l’airone e le opere precedenti di Miyazaki sta nell’accumulo di simboli e allegorie: una vertiginosa densità di rimandi, citazioni e metafore.

Gli speciali ricorrenti della rivista

RUBRICHE
Defibrillare il reale: Intervista a Tommaso Santambrogio

Un confronto critico con l'autore di Taxibol e Gli oceani sono i veri continenti, che può essere utile sia come introduzione alle opere sia come sintesi momentanea del lavoro di un autore.

“Omicron”: l’uomo è antiquato

Omicron di Ugo Gregoretti riprende certe riflessioni contenute nel celebre L'uomo è antiquato del filosofo Günther Anders e in Sorvegliare e punire. Nascita della prigione: la riduzione dell'individuo a macchina, la perdita delle spinte volontaristiche, il rapporto mente-corpo.

David Fincher: Frame by Frame

Quella di Fincher è una firma immediatamente riconoscibile: non tanto per unitarietà tematica, quanto invece per il rigore di una messa in scena ipercontrollata, meticolosa ai limiti della maniacalità.

Le ultime puntate

PODCAST
Camminare nei videogiochi: per una fenomenologia delle ‘soglie di contatto’ virtuali

Come camminiamo nei videogiochi? Da una prospettiva fenomenologica, la domanda dà modo per riflettere sul concetto di presenza nel virtuale, e sulle "soglie di contatto" tra corpi e spazi virtuali.

“Murder House”, tra survival horror e slasher movie

Prendendo a pretesto Murder House, si individuano alcune traiettorie di continuità e discontinuità tra slasher cinematografico e survival horror, tra spettacolarizzazione della morte e feminine gaze.

Una lettura esistenzialista di “Persona 4 Golden”

In Persona 4, come in altri episodi della serie, crescere significa accettare la fattità dell'esistenza e scendere a patti con il proprio ruolo nel mondo. Per farlo, però, è necessario affrontare i desideri di evasione in una realtà immaginaria.

Lo speciale su un genere ritenuto scomparso

IL THRILLER EROTICO CONTEMPORANEO TRA CINEMA E PIATTAFORME STREAMING
showgirls
L’occhio puritano. Ipermediazione, sesso e disconoscimento del desiderio nella Hollywood di oggi

I film di oggi hanno abbastanza scene di sesso? C'era un tempo, a Hollywood, in cui era ancora possibile trovare emozioni nella dimensione concreta dell'esistenza, essere attratti dallo spettacolo dei corpi. Quel tempo è ormai passato.

La colpevolizzazione dell’Eros nei remake seriali di “American Gigolo”, “Attrazione fatale”, “Il danno” e “Inseparabili”

L’eros rischia di non essere più, come un tempo, strumento di affrancamento, di scoperta di sé o di affermazione identitaria quanto, al contrario, una specie di lacerazione implosa, una banale forma di evasione dal consorzio civile.

Il ritorno di Adrian Lyne. Analisi di “Acque profonde”

Il film di Lyne è una storia d’amore e d’ossessione in cui l’ambiguità e il non-detto – quanta complicità c’è negli sguardi reciproci tra Vic e Melinda? – sono il cuore del film.

Le pubblicazioni della rivista

GLI ULTIMI NUMERI
LO SPECCHIO SCURO 2 – L’ETÀ DELLA RIPETIZIONE: TRA NOSTALGIA E AUTOREFERENZIALITÀ

Partendo dall’ultimo film di Quentin Tarantino, in questo secondo Numero de «Lo Specchio Scuro» prendiamo in esame il tema della ripetizione nelle sue forme più attuali e di maggior interesse teorico ed economico.

ANNO 2022   |   IN TUTTI I NUMERI
LO SPECCHIO SCURO 1 – ‘TWIN PEAKS 3’ E GLI UNIVERSI CONVERGENTI NELL’AUDIOVISIVO CONTEMPORANEO

Una riflessione su cinema e paradossi temporali, la semantica dei mondi possibili applicata all’analisi del film, analisi di Twin Peaks 3 di David Lynch, Spiderman: un nuovo universo, le serie Dark, Loki e tanto altro.

ANNO 2021   |   IN TUTTI I NUMERI

Gli ultimi speciali della rivista

FUORI NUMERO
BAROCCO E CINEMA: IL SEICENTO DI PETER GREENAWAY

Uno speciale dedicato al cinema barocco di Peter Greenaway in occasione degli 80 anni del regista. Prendiamo in esame le sue collaborazioni musicali più rilevanti (Michael Nyman, Marco Robino) e cinque film che trattano esplicitamente il tema del Seicento.

GENNAIO 2023   |   IN FUORI NUMERO
I MELODRAMMI DI DOUGLAS SIRK ALLA UNIVERSAL-INTERNATIONAL, 1954-1959

Dedichiamo un omaggio a Douglas Sirk in occasione della retrospettiva del Festival di Locarno. Prendiamo in esame i melodrammi che il regista ha realizzato alla Universal-International dal 1954 al 1959: Secondo amore, Come le foglie al vento, Il trapezio della vita e Lo specchio della vita.

AGOSTO 2022   |   IN FUORI NUMERO