LO SPECCHIO SCURO


ATTUALITÀ

The Canyons

di Sebastiano Lombardo

Film-saggio che riflette sulla transizione da un’idea di dispositivo come «apparato» a una di cinema come «assemblage», The Canyons concreta i presupposti per un aggiornamento dell’estetica “sexual chic” […]


DIMENTICATI

La leggenda di Narayama

di Alberto Libera

Il ricorso ad un apparato di risorse di marca teatrale permette a Kinoshita di raccontare un’antica leggenda popolare trascendendone qualunque aspetto realistico per sottolinearne i presupposti più universali […]


ATTUALITÀ

Somewhere

di Alberto Libera

Somewhere articola l’intera sua struttura intorno al tema cardinale della riduzione del doppio (quindi, della varietà, della differenza) all’identico.[…]


INVISIBILI

Road to Nowhere

di Nicolò Vigna

Road to Nowhere è il film che ha segnato il ritorno di un grande outsider del cinema hollywoodiano: Monte Hellman. […]


INVISIBILI

L’Arrière-saison

di Lo­ren­zo Bal­das­sa­ri

Grandrieux condivide con Epstein la convinzione che il cinema abbia il compito di ri-figurare il mondo con modalità formali non naturalistiche. […]


ATTUALITÀ

Cemetery of Splendour

di Nicolò Vigna

Con Cemetery of Splendour, Weerasethakul realizza un film di fantasmi e di sogni personali. […]


CLASSICI

Hard/core: di corpi e uomini, spazi e superfici nel cinema di Paul Schrader

di Alberto Libera

Più volte, nel cinema dell’autore, i corpi dei personaggi, quasi fossero semplici “aree” dotate di leggerezza e trasparenza, vengono raddoppiati dai riflessi e letteralmente trapassati dalle superfici […]


SPECIALI

L’incanto del lotto 49: Lost, o lo schermo magnificato

di Alberto Libera

Lost è, in fondo, un vero e proprio centrifugato di mitologia popolare che cerca un modo per ripensare l’immaginario stesso […]


ATTUALITÀ

Il cigno nero – Black Swan

di Lo­ren­zo Bal­das­sa­ri

Sia in Perfect Blue che in Black Swan, la protagonista è una performer – un corpo che si dà allo sguardo dello spettatore […]


DIMENTICATI

Other Men’s Women

di Alberto Libera

Wellman racconta due dei sentimenti chiave dell’America di quel periodo: il senso di dispersione e di smarrimento di una Nazione che aveva visto crollare le certezze […]


DIMENTICATI

La città dei pirati

di Andrea Termini

Il mastodontico corpus ruiziano si presenta in effetti come una bizzarra creatura polimorfa, animata da un’indefessa voracità enciclopedica […]


CLASSICI

Diaries, Notes & Sketches, also known as Walden

di Marco Grifò

Jonas Mekas è un regista di Cinema pointilliste […]


CLASSICI

Doppio gioco

di Lorenzo Baldassari

Film hollywoodiano che naufraga, nelle sequenze finali, in un allucinato espressionismo visivo, Doppio gioco [Criss Cross, 1949] rappresenta una summa del cinema noir siodmakiano […]


CLASSICI

I gangsters

di Alberto Libera

La realtà è già lo specchio scuro di se stessa […]


CLASSICI

La donna fantasma

di Nicolò Vigna

La donna fantasma è il primo grande successo americano di Robert Siodmak per la Universal, al quale seguiranno, tra gli altri, i celeberrimi La scala a chiocciola, I gangsters e Lo specchio scuro. […]


INVISIBILI

Dans Ma Peau

di Martina Mele

Come scrive Le Breton, «la pelle racchiude il corpo, i limiti di sé, crea la frontiera tra dentro e fuori: una frontiera vivente, porosa […]


ATTUALITÀ

William Gibson e Blackhat: universi a confronto, evoluzioni e tendenze

di Gabriele Suffia

Blackhat accantona hardware e software per lasciare al centro della scena l’unico componente in grado di decidere come utilizzare e utilizzarsi: lo humanware […]


ATTUALITÀ

Blackhat

di Alberto Libera

Dai fantasmi del sociale di Baudrillard alla società dei fantasmi […]


SPECIALI

Close-up: Body Double, il cinema «hitchcockiano» di Brian De Palma

di La Redazione

Tra coloro che hanno introiettato la lezione hitchcockiana, Brian De Palma si attesta come il più originale e decisivo […]


ATTUALITÀ

Passion

di Sebastiano Lombardo

Il delitto messo in scena da De Palma non trascura nessun dettaglio, si dimostra sino alla fine ineccepibile, è davvero quasi perfetto […]


CLASSICI

Femme Fatale

di Nicolò Vigna

Pur facendo parte dell’ideale ciclo hitchcockiano di Brian De Palma, Femme fatale amplia il raggio d’azione teorico del regista ad un intero genere, il noir […]


CLASSICI

Omicidio in diretta

di Alberto Libera

Un disperato grido di rivolta contro «la scopa del sistema» […]


CLASSICI

Doppia personalità – Raising Cain

di Fabio Fulfaro

Mettere in abisso il desiderio è sognare talmente forte da far sembrare tutto vero […]


CLASSICI

Omicidio a luci rosse

di Alberto Libera

Il “corpo doppi(at)o” è la traeva maestra a cui s’incardina l’intera architettura del film ed è direttamente connesso con il tema dell’identità, di come essa viene costruita e percepita […]


CLASSICI

Blow Out

di Alberto Libera

Questa negazione complessiva del piacere contribuisce a fare di Blow Out uno dei film più pessimisti di De Palma, proprio nella misura in cui qualsiasi fine sembra irrealizzabile […]


ATTUALITÀ

Malgré la nuit

di Lo­ren­zo Bal­das­sa­ri

Malgré la nuit è un film di simulacri e di apparizioni fantasmatiche, un film di corpi che entrano nell’immagine come si entra nel sogno. […]


CLASSICI

Angeli perduti

di Andrea Termini

Nel suo continuo ripercorrere gli stessi nodi tematici e narrativi mediante un raffinato gioco di variatio delle coordinate circostanziali, il cinema di Wong Kar-wai […]


CLASSICI

Vestito per uccidere

di Nicolò Vigna

Vestito per uccidere è l’ennesima variazione hitchcockiana sul tema del doppio. Molteplici se non addirittura sfacciati sono i continui riferimenti ad uno dei capolavori del maestro del brivido: Psyco […]


CLASSICI

Complesso di colpa

di Fabio Fulfaro

Complesso di colpa si doveva chiamare Déjà Vu e questo titolo avrebbe ben rispecchiato tutto il presupposto critico sul quale poggia il cinema di Brian De Palma. […]


CLASSICI

Le due sorelle

di Alberto Libera

Collante di tutti quanti i personaggi di Sisters è quindi una sorta di paradossale anelito all’essere puniti per la propria pertinace condizione di soggetti desideranti […]