LO SPECCHIO SCURO


ATTUALITÀ

Sully

di Alberto Libera

Per la prima volta, Eastwood fa i conti con il nuovo universo post-mediale della simulazione e degli ipertesti multimediali interattivi […]


DIMENTICATI

Ticket to Ride: Claire Denis e il cinema del corpo

di Adrian Martin

In tutti i film di Claire Denis, ogni cosa, ogni corpo è in movimento […]


INVISIBILI

L’intrus

di Nicolò Vigna

L’intrus è probabilmente l’opera più radicale di Claire Denis, ovvero il film dove la poetica della regista francese segna un punto di non ritorno. […]


DIMENTICATI

Cannibal Love – Mangiata Viva

di Lorenzo Baldassari

Trouble Every Day è l’esito più alto del cinema di Claire Denis inteso come un’arte della trasgressione […]


CLASSICI

Beau travail

di Alberto Libera

Beau travail è un film fondato sulla dialettica presenza/assenza […]


SPECIALI

2015: le classifiche della redazione

di La Redazione

Le classifiche della redazione de Lo Specchio Scuro dei film usciti nel 2015 […]


ATTUALITÀ

Signs

di Alberto Libera

La realtà, nel cinema di Shyamalan, è percepibile solo attraverso tracce, “signs”, immagini di un disegno frammentato […]


INVISIBILI

Innocence

di Martina Mele

Innocence di Lucile Hadzihalilovic può essere considerato alla stregua di un racconto di formazione […]


DIMENTICATI

Diabel

di Nicolò Vigna

Diabel, conosciuto in Italia anche come Il diavolo, può essere considerata l’opera che apre idealmente la strada al cosiddetto «stile» zulawskiano. […]


CLASSICI

American Gigolo

di Sebastiano Lombardo

American Gigolo sancisce l’elaborazione di uno specifico approccio alla materia filmica risultante dal riconoscimento di tre momenti successivi: la quotidianità, la scissione e la stasi […]


ATTUALITÀ

A Lullaby to the Sorrowful Mystery

di Nicolò Vigna

A Lullaby to the Sorrowful Mystery è un film che intreccia, in maniera encomiabile, Storia e mito, epica del racconto e minimalismo. […]


SPECIALI

Lav Diaz: An Introduction / Lav Diaz: Un’introduzione

di Nadin Mai

Il filippino Lav Diaz, uno dei registi d’essai più prolifici di oggi, è conosciuto principalmente per la lunghezza dei suoi film […]


INVISIBILI

The Forbidden Room

di Andrea Termini

Appena varcata la soglia di The Forbidden Room, l’ultimo bizzarro oggetto cinematografico partorito dal genio di Guy Maddin, facciamo la conoscenza di Marv […]


SPECIALI

Schermi e traiettorie: Panoramica dal Festival di Locarno 2016

di Mariella Lazzarin

L’inseguimento di Sé: su I Had Nowhere to Go e Corrispondências, in anteprima da Locarno


ATTUALITÀ

L’amore bugiardo – Gone Girl

di Fabio Fulfaro

David Fincher agisce sulla apparente linearità di una trama “noir” per inserire ad ogni fotogramma un sotto-testo che ribalta la veridicità di azioni e comportamenti. […]


ATTUALITÀ

Ave, Cesare!

di Nicolò Vigna

In Ave, Cesare!, i Coen tornano a riflettere sul mondo di Hollywood realizzando un vero e proprio “carosello” di volti, di generi cinematografici e di situazioni paradossali. […]


ATTUALITÀ

Birdman o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)

di Lorenzo Baldassari

Birdman funziona come un vero e proprio coacervo di tendenze esemplari del cinema del terzo millennio per ciò che concerne l’assetto narrativo e la composizione visuale. […]


ATTUALITÀ

Maps to the Stars

di Fabio Fulfaro

David Cronenberg sta imboccando da qualche anno a questa parte una strada filosofica abbastanza impervia, tutta giocata sulla mutazione dell’immagine come proiezione del sé. […]


ATTUALITÀ

The Canyons

di Sebastiano Lombardo

Film-saggio che riflette sulla transizione da un’idea di dispositivo come «apparato» a una di cinema come «assemblage», The Canyons concreta i presupposti per un aggiornamento dell’estetica “sexual chic” […]


DIMENTICATI

La leggenda di Narayama

di Alberto Libera

Il ricorso ad un apparato di risorse di marca teatrale permette a Kinoshita di raccontare un’antica leggenda popolare trascendendone qualunque aspetto realistico per sottolinearne i presupposti più universali […]


ATTUALITÀ

Somewhere

di Alberto Libera

Somewhere articola l’intera sua struttura intorno al tema cardinale della riduzione del doppio (quindi, della varietà, della differenza) all’identico.[…]


INVISIBILI

Road to Nowhere

di Nicolò Vigna

Road to Nowhere è il film che ha segnato il ritorno di un grande outsider del cinema hollywoodiano: Monte Hellman. […]


INVISIBILI

L’Arrière-saison

di Lo­ren­zo Bal­das­sa­ri

Grandrieux condivide con Epstein la convinzione che il cinema abbia il compito di ri-figurare il mondo con modalità formali non naturalistiche. […]


ATTUALITÀ

Cemetery of Splendour

di Nicolò Vigna

Con Cemetery of Splendour, Weerasethakul realizza un film di fantasmi e di sogni personali. […]


CLASSICI

Hard/core: di corpi e uomini, spazi e superfici nel cinema di Paul Schrader

di Alberto Libera

Più volte, nel cinema dell’autore, i corpi dei personaggi, quasi fossero semplici “aree” dotate di leggerezza e trasparenza, vengono raddoppiati dai riflessi e letteralmente trapassati dalle superfici […]


SPECIALI

L’incanto del lotto 49: Lost, o lo schermo magnificato

di Alberto Libera

Lost è, in fondo, un vero e proprio centrifugato di mitologia popolare che cerca un modo per ripensare l’immaginario stesso […]


ATTUALITÀ

Il cigno nero – Black Swan

di Lo­ren­zo Bal­das­sa­ri

Sia in Perfect Blue che in Black Swan, la protagonista è una performer – un corpo che si dà allo sguardo dello spettatore […]


DIMENTICATI

Other Men’s Women

di Alberto Libera

Wellman racconta due dei sentimenti chiave dell’America di quel periodo: il senso di dispersione e di smarrimento di una Nazione che aveva visto crollare le certezze […]


DIMENTICATI

La città dei pirati

di Andrea Termini

Il mastodontico corpus ruiziano si presenta in effetti come una bizzarra creatura polimorfa, animata da un’indefessa voracità enciclopedica […]


CLASSICI

Diaries, Notes & Sketches, also known as Walden

di Marco Grifò

Jonas Mekas è un regista di Cinema pointilliste […]


CLASSICI

Doppio gioco

di Lorenzo Baldassari

Film hollywoodiano che naufraga, nelle sequenze finali, in un allucinato espressionismo visivo, Doppio gioco [Criss Cross, 1949] rappresenta una summa del cinema noir siodmakiano […]


CLASSICI

I gangsters

di Alberto Libera

La realtà è già lo specchio scuro di se stessa […]


CLASSICI

La donna fantasma

di Nicolò Vigna

La donna fantasma è il primo grande successo americano di Robert Siodmak per la Universal, al quale seguiranno, tra gli altri, i celeberrimi La scala a chiocciola, I gangsters e Lo specchio scuro. […]


INVISIBILI

Dans Ma Peau

di Martina Mele

Come scrive Le Breton, «la pelle racchiude il corpo, i limiti di sé, crea la frontiera tra dentro e fuori: una frontiera vivente, porosa […]


ATTUALITÀ

William Gibson e Blackhat: universi a confronto, evoluzioni e tendenze

di Gabriele Suffia

Blackhat accantona hardware e software per lasciare al centro della scena l’unico componente in grado di decidere come utilizzare e utilizzarsi: lo humanware […]


ATTUALITÀ

Blackhat

di Alberto Libera

Dai fantasmi del sociale di Baudrillard alla società dei fantasmi […]


ATTUALITÀ

Malgré la nuit

di Lo­ren­zo Bal­das­sa­ri

Malgré la nuit è un film di simulacri e di apparizioni fantasmatiche, un film di corpi che entrano nell’immagine come si entra nel sogno. […]


CLASSICI

Angeli perduti

di Andrea Termini

Nel suo continuo ripercorrere gli stessi nodi tematici e narrativi mediante un raffinato gioco di variatio delle coordinate circostanziali, il cinema di Wong Kar-wai […]


SPECIALI

Close-up: Body Double, il cinema «hitchcockiano» di Brian De Palma

di La Redazione

Tra coloro che hanno introiettato la lezione hitchcockiana, Brian De Palma si attesta come il più originale e decisivo […]